Brainstorming

Brainstorming cosa è?

Il brainstorming è un metodo creativo di gruppo, utilizzato  per generare in un breve periodo di tempo, un gran numero di idee o di possibili soluzioni ad un problema.  Esso  deriva dal metodo delle  Quaestiones Disputatae, utilizzato dai docenti di diritto romano delle antiche Università medievali e successivamente  sviluppato come una vera metodologia scientifica da Alex F. Osborn tra gli anni ’40 e ’50 e descritta nel suo libro “How To Think Up”.

Oggi il brainstorming  viene adottato su larga scala e dalle più diverse discipline esistenti. Ad esempio esso è diffuso nella didattica e nella scuole,  lo si utilizza per lo sviluppo di idee per campagne pubblicitarie, per il miglioramento dei processi di produzione di tipo industriale, per la preparazione di un processo giudiziario  o per risolvere problematiche sulla fornitura di un servizio.

Un brainstorming efficace permette di raccogliere quante più idee possibili, anche quelle apparentemente inusuali,  che potranno eventualmente essere ridotte, o canalizzate, in una lista più piccola di elementi prioritari. Il concetto base del brainstorming classico è la libertà di pensiero, per questo motivo gli interventi critici  andranno vietati, in quanto soffocherebbero la creatività del gruppo, di fatto tutti i giudizi verranno inibiti fino alla fase di revisione finale.

“Il Brainstorming è una tecnica creativa di gruppo per far emergere idee volte alla risoluzione di un problema.”

Bisogna dire che esistono diverse varianti di brainstorming ma sono tutte finalizzate ad ottenere molte idee in un breve lasso di tempo e per quanto esposto sopra, le sessioni di brainstorming dovranno essere condotte da un moderatore che ricopre un ruolo chiave, e il numero di partecipanti  dovrà essere limitato a un numero gestibile, in genere tra cinque e massimo quindici persone.

Esistono poche regole per un brainstorming di successo:

  1. Focalizzare sulla generazione di un gran numero di idee;
  2. Coinvolgere attivamente ogni partecipante;
  3. Incoraggiare il pensiero e la creatività fuori dagli schemi classici, comprese le idee insolite o apparentemente ridicole, tenendo comunque a mente lo scopo del brainstorming;
  4. Promuovere un contesto libero dalle critiche;
  5. Combinare idee diverse per crearne di nuove;
  6. Impostare un limite di tempo ragionevole in base alla sfida in corso;

Brainstorming  come fare.

Iniziamo la sessione di brainstorming spiegando chiaramente quale sia lo scopo della seduta, possibilmente anche aiutandoci con il “perché, come o cosa” del problema da affrontare,  l’oggetto di tale discussione dovrà essere scritto ed evidenziato su una lavagna in modo che sia sempre evidente agli occhi di tutti. Successivamente bisognerà impostare e comunicare le regole di base,  chi parla, secondo quale ordine, per quanto tempo. In particolare si dovrà ricordare che nella fase ‘creativa’ non verranno ammesse:
– Critiche sulle idee esposte;  (Soffocherebbero la partecipazione)
– Valutazioni e discussioni generiche sulle idee esposte;  (Rallenterebbero il processo creativo)

Identificate chiaramente le regole e l’oggetto della discussione diamo qualche istante ai partecipanti di riflettere in silenzio.

Secondo un ordine preciso invitiamo le persone, a turno, ad esporre ad alta voce una propria idea. Il moderatore stesso, oppure uno dei partecipanti, registrerà ciascun elemento raccolto, con parole il più vicino possibile a quelle usate dal contributore, sulla lavagna in bella vista. In alternativa ogni partecipante potrà trascrivere la sua idea su un post-it , in maniera sintetica per accelerare il processo, e i post-it verranno collocati sulla lavagna o su di una parete. Sarà bene ricordarsi che in questa fase non è consentita alcuna discussione o valutazione sulle idee esposte, al contrario il moderatore  dovrà stimolare un ambiente vivace e la monotonia dovrà essere evitata ad ogni costo.  Solo quando il processo creativo si affievolirà, allora il moderatore potrà dare termine  alla raccolta delle idee.

 

Il Brainstorming termina con questa fase e genera un alto numero di possibili idee.

Brainstorming -> Discussione delle possibili soluzioni;

Nominal Group Technique -> Discussione delle possibili soluzioni + Votazione sulle idee;

Multivoting -> Selezione delle idee (dopo aver generato le idee);

Author: FS